Vai al contenuto
Home » povertà

povertà

Lavoro minorile senza tempo

bambino bracciante e bambino fabbro, Qualiano (NA), fotografie di Ando Gilardi, ottobre 1954 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Il dramma dello sfruttamento dei minori è una piaga dura a morire poiché ha la pessima abitudine di riaprirsi nei periodi di crisi. È piuttosto inutile affrontarla piangendo ritualmente una volta all’anno sulla vita di una singola bambina uccisa dai suoi sfruttatori: a volte dedicare una giornata mondiale a problemi di questo tenore è solo un metodo collettivo per lavarcene meglio le mani. È importante invece non dimenticare e tenere alta l’attenzione. Secondo l’ultimoLeggi tutto »Lavoro minorile senza tempo

Giovani speranze

dettaglio di gerogifici dell'antico Egitto, elaborazione ©Fototeca Gilardi

Mentre le vite dei nostri ragazzi sembrano incastrate inesorabilmente in un mondo senza opportunità che li porta a scoraggiarsi, è utile ricordare che non sempre le umili origini o la mancanza di risorse economiche sono destinate a produrre personaggi oscuri e miseri, non sempre sono una condanna a morte, anzi, sovente il desiderio di riscatto e (molto più spesso) una passione divorante riescono a spingerci verso la realizzazione dei nostri sogni. È necessario distogliere la nostra mente dal pensiero del fallimento imminente e mettere a fuoco qualcosa di concreto che ci dia speranza, che riequilibri la visione del possibile.
Non ho mai creduto molto in quello che viene chiamato “pensiero positivo” perché è qualcosa di troppo astratto e in un attimo rischia di diventare inutilizzabile nel quotidiano. Mi è invece stato utile, per rianimare le speranze, conoscere la vita delle persone che ammiravo, non sempre ricche e famose, ma tutte indistintamente caparbie, talentuose e realizzate.
La storia è costellata di personaggi celebri di umili origini, addiritturaLeggi tutto »Giovani speranze

In rosso o al verde?

Non è ben chiaro come mai questa ripresa economica di cui tutti parlano sia visibile solo a pochi eletti, mentre la maggior parte di noi è ancora al verde, perciò, mentre aspetto speranzosa di aprire gli occhi sulla rosea realtà, mi chiedo … perché si dice proprio “al verde”?

I “verdoni” dello zio Paperone disneyano sono simbolo di ricchezza, non di povertà, perché il dollaro è verde, maLeggi tutto »In rosso o al verde?

Di solo pane

Allarme! Il consumo di pane è ai minimi storici e non è colpa della Quaresima appena iniziata (che non sposta più neanche una virgola nel PIL nazionale).
La notizia , che non sembra distinguere tra l’acquisto di pane e il consumo di pane, anche se oggi moltissime persone il pane se lo fanno in casa, fa scattare nella nostra mente una paura ancestrale.

Il pane, l’alimento più semplice e diffuso al mondo, l’alimento base dell’umanità legato a doppio filo ai riti religiosi e al potere, nel nostro immaginario è sinonimo di vita, di sopravvivenza. Istintivamente la notizia del “calo” di pane ci fa pensare alla penuria, alla povertà, alla carestia, ci riporta irrazionalmente ai moti per il pane che hanno caratterizzato la nostra storia, con gliLeggi tutto »Di solo pane

Attentatori

Il primo pericoloso segnale di esasperazione diffusa si è manifestato anche sotto i nostri palazzi del potere.
Era questione di tempo e il Presidente ha tenuto a rassicurare tutti sul fatto che si tratta di un caso isolato. Diciamo che il “ritratto” della scheggia impazzita è così anonimo e diffuso da suscitare più di qualche isolata preoccupazione: un uomo di 49 anni, separato, disoccupato, depresso e vittima del gioco d’azzardo.
Nel corso della storia la figura di colui che attenta al potere, che cerca di colpire il “re” è ben conosciuta, tanto che Leggi tutto »Attentatori