Vai al contenuto
Home » mestieri ambulanti

mestieri ambulanti

La vita della città

venditore di polipo bollito - Fotografia di Ando Gilardi , Palermo 1955 circa ©Fototeca Gilardi

A volte, dobbiamo ammetterlo, il desiderio di vedere nuovamente le nostre strade vive e affollate, si fa sentire particolarmente. E non si tratta di una sensazione nata con le recenti restrizioni, ma di un sottile rimpianto per epoche ormai lontane in cui ogni via cittadina era costellata di negozi e fiorenti attività, dove le saracinesche erano chiuse solo di notte e ogni mattina il quartiere si risvegliava pian piano con i profumi che Leggi tutto »La vita della città

Piccoli mestieri perduti

La disoccupazione continua a preoccupare tutta l’Europa e le nuove professioni non riescono ad assorbire tutte le competenze sul mercato. Ormai siamo di fronte a una dura realtà: il lavoro del XXI secolo sembra non aver bisogno del “fattore umano” e molti politici pensano di svincolare il reddito dall’attività lavorativa, come se il lavoro fosse per l’uomo, esclusivamente una fonte di sostentamento economico.
In attesa di fare un elenco dei mestieri che spariranno (e che nasceranno) nei prossimi 10 anni vediamo alcune delle attività che scomparvero nel corso del XX secolo, con lo sviluppo dell’automazione, del consumismo e della burocrazia.
Si trattò soprattutto di mestieri “poveri”, figli di un mondo in cui gli oggetti quotidiani si usavano e si riparavano finché era possibile, per poi essere riadattati per altri usi.Leggi tutto »Piccoli mestieri perduti

Tagli ai comuni: che il gatto si arrangi!

Guarda che tempo da cani, oggi! Ci voleva anche questa brutta gatta da pelare! Siamo in quattro gatti  e sto menando il can per l’aia da un quarto d’ora, ma sono sicura che qui gatta ci cova, infondo lo sanno tutti che quando il gatto non c’è i topi ballano: da tempo quei due sono come cane e gatto ed è inutile che lei faccia tanto la gatta morta perché, diciamolo, ormai non c’è più trippa per gatti!
… bhe si potrebbe andare avanti all’infinitoLeggi tutto »Tagli ai comuni: che il gatto si arrangi!