Vai al contenuto
Home » cane

cane

Una città senza donne…

(una foto al giorno leva l’ignoranza di torno) a cura di Lost Dream Editions

«Una città senza donne, una città senza cani e senza fortuna»
Roberto Vecchioni

Quella che segue è una “didascalia irriverente” tratta da “Il bosco incantato. Appunti per una morfologia della pornofiaba”( Lost Dreams Editions 2008 ), un saggio dedicato a Ando Gilardi.

Ci hanno un po’ rotto le scatole quei tristi visionari che non amano le donne ( Apocalisse di Giovanni, XIV, 4: «Hi sunt, qui cum mulieribus non sunt coinquinati: virgines enim sunt», Questi sono coloro che non si sono contaminati con donne, sono infatti vergini ) e che non amano i cani ( Apocalisse di Giovanni, XXII, 15: «Foris canes, et venefici, et impudici, et homicidae, et idolis servientes et omnis qui amat et facit mendacium», Via i cani, e gli avvelenatori, e gli impudichi, e gli omicidi, e coloro che servono gli idoli e chi ama la menzogna e la pratica ).
Una guida per girare l’Indonesia, scritta da un ragazzone americano incontrato a Bali, definiva i cani dell’isola «apocalittici». E si capisce subito perché. Pochisimi sono i cani domestici e nessuno è Leggi tutto »Una città senza donne…

Miss Marion Newton

Mentre divampano le discussioni se dare o meno il proprio cognome a cani, gatti e agli altri animali d’affezione, con tutte le conseguenze del caso, tornano alla memoria celebri animali passati alla storia grazie alla fama e all’attaccamento ai loro padroni.

Si racconta ad esempio che Napoleone Bonaparte possedesse ottanta cavalli, tutti di razza araba, con il manto bianco o molto chiaro addestrati a sopportare situazioni di guerra con tanto di spari, sciabole agitate e bandiere svolazzanti al vento. Il più famoso lo vediamo nel dipinto di Jacques-Louis David:  Marengo, dalla folta criniera bionda, che Napoleone cavalcherà fino alla disfatta di Waterloo. Leggi tutto »Miss Marion Newton

Tagli ai comuni: che il gatto si arrangi!

Guarda che tempo da cani, oggi! Ci voleva anche questa brutta gatta da pelare! Siamo in quattro gatti  e sto menando il can per l’aia da un quarto d’ora, ma sono sicura che qui gatta ci cova, infondo lo sanno tutti che quando il gatto non c’è i topi ballano: da tempo quei due sono come cane e gatto ed è inutile che lei faccia tanto la gatta morta perché, diciamolo, ormai non c’è più trippa per gatti!
… bhe si potrebbe andare avanti all’infinitoLeggi tutto »Tagli ai comuni: che il gatto si arrangi!