Vai al contenuto

ANDO

20,00 

di Nicola Nunziata

Nicola Nunziata indaga il lavoro del fotografo italiano Ando Gilardi, concentrandosi sui luoghi e sugli spazi di lavoro creati e abitati da Ando. Questo libro è un indice dei materiali fotografici, dei manufatti personali e dei materiali d’archivio, e si presenta come un libro non rilegato, in una cartella, come un work in progress. Il volume è realizzato da FW:Books con il supporto di ShowDesk, Fototeca Gilardi e grazie al contributo della Direzione Generale Educazione, Ricerca e Istituti Culturali, del Ministero della Cultura (MiC).

ANDO
di Nicola Nunziata

235 x 350 mm / copertina morbida serigrafata in 5 colori selezionabili / 44 pagine
Testi in Inglese e Italiano / isbn 978-90-833459-6-3

Nel suo “libro” Nicola Nunziata racconta Ando Gilardi frequentando, virtualmente o in presenza, gli stessi luoghi da lui abitati, che siano spazi di lavoro o privati, in un viaggio geolocalizzato e temporale nelle molte stagioni della sua vita. Per chi si accosterà alla lettura potrebbe definirsi un’esperienza immersiva.

Orgogliosamente virgolettato questo “libro” si presenta in una cartella di materiali fotografici, d’archivio e testuali come se fosse un’edizione ancora in preparazione, da definire, non finita o infinita, con l’intenzione di lasciare a chi legge la piacevole sensazione di scoprire quello che c’è dietro e non si vede.

Frutto di una lunga meditata, discontinua residenza d’artista presso Fototeca Gilardi, questo “libro” riesce con serendipitico realismo a ricrearne perfettamente l’ambiente.

In questi spazi Nicola fotografa gli oggetti di uso familiare e gli artefatti che popolavano il mondo di Ando,  guidato con piglio archeologico da Elena e Patrizia Piccini, inflessibili fan e conservatrici.

Un super-libro che è molto di più, un curioso inventario di effetti personali, appunti, tracce calligrafiche e fotografiche, luoghi del cuore: è un ritratto di ANDO.

Non può mancare sullo scaffale di chiunque si senta parte di un ideale Ando fan club.

Pillole dai contenuti:

«Ando non contiene soltanto fotografie realizzate nella Fototeca, ma anche immagini della Fototeca. Gli spazi dove Gilardi ha lavorato e in cui sono attualmente conservati tutti i materiali che ha raccolto sono i protagonisti di una delle sezioni di questo progetto.

Nunziata ha infatti suddiviso in una serie di compartimenti allo stesso tempo separati e dialoganti le fotografie del suo lavoro, proprio come Ando ha collocato in diversi contenitori le immagini che ha riprodotto nel corso degli anni.

È questo il cuore della Fototeca e il suo motore di ricerca: un sistema composto da scatole di legno e schede descrittive messo a punto per riuscire a ritrovare ciascun record nel minore tempo possibile. Google Images è già qui, con la differenza che scricchiola a ogni utilizzo ed emana un forte odore di cera d’api. Nunziata riprende tutto questo con la sicura delicatezza di uno scienziato o un restauratore di cose antichissime.»
Francesco Zanot

«E poi ci viene il dubbio se le sfumature siano necessarie per parlare di Ando: sì sono indispensabili. Non potrete incontrare sulla vostra strada una persona più poliedrica. A noi è successo di crescergli accanto. La luce che lo illuminava produceva su mille schermi le sue vivaci ombre colorate: per molti anni noi siamo state le sue proiezioni inseparabili. Questo libro non rilegato, mobile e cangiante, è forse uno degli schermi migliori mai realizzati per i suoi spettacoli umbratili. Finalmente non sono più effimeri e tutti potranno assistere e conservarli.»
Elena e Patrizia Piccini

Ciò che l’autore vorrebbe

«Questo è il terzo libro di una serie che tiene insieme i risultati di un percorso di ricerca visiva e di sperimentazione, iniziato ormai quasi dieci anni fa. Mi piacerebbe che, nel guardare questi tre libri, si ponesse attenzione non solo alla provenienza e ai materiali d’archivio utilizzati ma anche alla possibilità di ricavarne un’emozione personale e soggettiva.» Nicola Nunziata

Eh già…

Ecco, appunto: Nicola Nunziata e la casa editrice FW:books non si occupano di archivi e archiviazione per la prima volta: ANDO è parte di una trilogia che con Album ha raccontato una caleidoscopica esperienza nell’archivio fotografico ICCD di Roma e con  How What Exists Exists  ha indagato il celebre Viaggio in Italia a cura di Luigi Ghirri oggi conservato al MuFoCo di Cinisello Balsamo (MI). Entrambi indispensabili a chi si interessa dell’archiviazione di oggetti visivi.

 

Peso 0,25 kg
Dimensioni 23,5 × 35,0 × 0,5 cm
colore copertina

rosso, blu, verde, giallo, arancio

Illustrato

Finitura

Cartella

Pagine

44

Recensioni

Ancora non ci sono recensioni.

Recensisci per primo “ANDO”

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *