Home » Blog » La radice del privilegio

La radice del privilegio

La radice del privilegio ©FototecaGilardi

Il privilegio è definito come “uno speciale onore” oppure come “un vantaggio che consente di sottrarsi a determinati obblighi”.

Quest’ultima accezione ci rende chiaro come il privilegio sottragga alla legge chi ne è coinvolto.

La parola infatti è formata dai due termini latini “privus” e “lex”, per intendere appunto chi è privo di obblighi verso le regole dettate dalla giustizia.

Ecco che privilegiato si svela per ciò che è in realtà, cioè qualcuno che può infischiarsene di alcune prescrizioni sociali o giuridiche di una società.

Come accadeva ai nobili in passato e ai ricchi, da sempre.

La nostra percezione nei confronti di chi ha dei privilegi è dunque esatta.
Etimologicamente esatta.

Ma c’è di più.

Esiste un’altra parola che si sovrappone quasi completamente al termine “privilegio”, ma che – a differenza di esso – ha un’accezione negativa.

Si tratta di “fuorilegge”.

È intuitivo che “fuori-legge” e “privi-legio” siano etimologicamente imparentate.

La sottigliezza sta solo nel soggetto che dà il via alla trasgressione.

Nel caso del fuorilegge è lui stesso che si pone al di fuori del codice e decide di operare contro il sistema.

Nel caso del privilegiato, invece, siamo tutti noi che glielo permettiamo. Mentre sta a lui approfittarsene o meno.

C’è di che riflettere, vero?

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.