Vai al contenuto
Home » Blog » Risorgimento Revisione #6

Risorgimento Revisione #6

Brigante fotografato come trofeo

…sesta e penultima puntata di riflessioni a proposito di revisionismo del Risorgimento… continuando il discorso iniziato dalla mia “fu” bacheca Fototeca Gilardi su Facebook …   Seguitemi se volete. (in barba a FB che mi ha sospeso)

«I militari solitamente così avari di immagini, rivelano un’improvvisa prodigalità fotografica durante la repressione del brigantaggio, negli anni successivi all’incontro di Teano. Ecco che d’un tratto l’impassibilità distante e oggettuale, la veduta silente, sono messe da parte, e i cadaveri prima nascosti vengono ostentati. Ufficiali e soldati collaborano a mettere in posa i fucilati davanti all’obiettivo, organizzano messe in scena in cui gli ancora vivi recitano la parte del brigante. Una folla di contadini meridionali e centrali si affaccia in questo modo macabro alla storia della nazione. » (Giulio Bollati, L’Italiano, Einaudi, Torino, 1983, pp. 142-143.)
…insegnare a scuola ai bambini e ragazzi, come avviene, che Giuseppe Garibaldi a capo dei Mille in cinque mesi ha “liberato” il Mezzogiorno, è l’insulto più becero, osceno, vergognoso, schifoso, idiota, imbecille che si possa rivolgere, come di fatto avviene da 150 anni da parte di maestri e maestre analfabete ai Terroni… ai Terroni di tanto tempo fa, perché temo che quella razza con i c……. si sia estinta, temo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.