Vai al contenuto
Home » Blog » Manajetta a Rosate

Manajetta a Rosate

Manajetta a Rosate

Lo chiamavano Manajetta
Domenica 8 maggio alle ore 16:30
Giardino della Biblioteca Comunale Don L. Negri
Viale Rimembranze 30
Rosate MI

In caso di pioggia l’evento si terrà in Municipio – Sala Consigliare, viale Vittorio Veneto 2

Per informazioni: info@baraban.it – t. 338 7189841

Prima presentazione in assoluto del volume Lo chiamavano Manajetta. Storia di un’impiccagione a Gaggiano e appunti sulla criminalità in Lombardia fra Sette e Ottocento, di Aurelio Citelli. Edito da Associazione Culturale Barabàn.
Con l’autore saranno presenti Paolo Migliavacca e Silvia Nidasio.

scarica la locandina >>>>

il tema

Gaggiano, 1833: una rapina a mano armata sulla strada Postale per Milano si conclude con l’arresto di Carlo Bettoli, detto Manajetta, la sua condanna a morte e l’impiccagione sulla Vigevanese.
La vicenda, ricostruita attraverso fonti giornalistiche e documenti d’archivio, permette di gettare uno sguardo sul tema della criminalità che ha imperversato in Lombardia tra Sette e Ottocento.
Nelle campagne l’insicurezza regnava ovunque: sulle strade, nelle case, nelle cascine, nelle osterie. I viandanti venivano derubati, le carrozze assalite, le case razziate, gli osti truffati, le cascine prese d’assalto e incendiate.
A occupare la scena, una schiera di piccoli delinquenti, banditi e briganti le cui storie, almeno di quelli più famosi, sono rimaste, oltreché nelle sentenze, nella memoria popolare.

perché a Rosate

Come recita il sottotitolo, oltre che del Manajetta, si tratta diffusamente anche di altri episodi criminali avvenuti in Lombardia e un intero capitolo è dedicato a un caso molto significativo che ebbe luogo proprio a Rosate, località in quegli anni particolarmente “infestata”.

Il capitolo narra di un evento delittuoso trasformato in uno scandalo, alimentato da accuse infamanti. Un intrigo: verità? calunnia? perché? Un innocente accusato come capro espiatorio per vendetta da una famiglia rispettabile, dinamiche quasi romanzesche.

Occasione per riflettere sulla evoluzione in quegli anni del sistema giudiziario e per seguire una storia complicata (a lieto fine) che potrebbe essere la trama di un’attuale appassionante fiction poliziesca.

Presentazione da non perdere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.