Vai al contenuto
Home » Moda » Pagina 3

Moda

Galateo medievale … a tavola

Siamo tutti pronti a lamentarci delle pessime maniere ormai dilaganti: nessuno che ti saluta per strada, nessuno che ti aiuta se sali sull’autobus con la spesa o il passeggino, tutti che guidano come se fossero soli in strada, tutti pronti ad aggredire e rispondere in modo volgare. Indubbiamente non si può negare che l’atmosfera sociale sia drasticamente peggiorata, ma a tavola, quando ci ritroviamo tra amici e parenti, come ci comportiamo? Siamo proprio sicuri di rispettare un minimo di galateo almeno in una situazione così intima?
Ci sediamo a tavola con le mani pulite? Ci ricordiamo di non parlare con la bocca piena o non infilare le nostre posate nel piatto comune? Forse alcune abitudini sono radicate, ma ci abbiamo messo parecchio a impararle.
Le prime regole di galateo a tavola infatti risalgono al medioevo. Anche allora la principale prescrizione del buon comportamento era Leggi tutto »Galateo medievale … a tavola

Un ventaglio di risposte

FototecaGilardi_22luglio_BLG

Come era possibile scambiarsi messaggi fra innamorati nel Settecento o nell’Ottocento, quando la libertà di scegliersi tra uomo e donna si stava insinuando nella mentalità comune, mentre la vita sociale era ancora sotto il rigido controllo di rituali sociali vetusti, aggravati dalla separazione tra i sessi e dalla presenza di “controllori” in ogni occasione mondana? Sembrerà strano, ma messaggi più cheLeggi tutto »Un ventaglio di risposte

Piacere e piacersi

le quattro streghe, incisione di Albrecht Durer

Torna il caldo e insieme torna, soprattutto per noi donne, l’annoso problema di adeguarci ai terribili canoni estetici di questi tempi! Canoni pretenziosi e punitivi. È in queste occasioni che aumenta a dismisura il desiderio di avere una macchina del tempo che mi riporti al Rinascimento, quando la bellezza era prosperosa e tornita, quando lo scheletro femminile non era appena velato da pelle tesa e muscoli da culturista, maLeggi tutto »Piacere e piacersi

Libertà in fumo

Da sempre nemica delle sigarette dovrei  gioire alla notizia delle nuove restrizioni sul fumo, che tentano di arrivare fin nell’abitacolo delle auto, invece trovo che si stia passando il segno.
Il fumo in macchina mi suscita sgradevolissimi (per i polmoni) ricordi di viaggi “anni ’60” in cui mio padre ci portava al mare con la sigaretta in bocca da Milano a Rimini. Eppure questa proposta di legge sembra fatta apposta per Leggi tutto »Libertà in fumo

La sottile striscia (di pizzo) tra Carlo Magno e il can-can

La giarrettiera, oggi considerata uno strumento di seduzione tipicamente femminile, nasce come accessorio maschile.
La prima testimonianza, scritta, della sua esistenza è quella che ci rende nel IX secolo Eginardo, biografo di Carlo Magno, che la indica come sostegno preferito delle imperiali calze. A quei tempi la giarrettiera constava di semplici nastri annodati, ma Leggi tutto »La sottile striscia (di pizzo) tra Carlo Magno e il can-can

Benessere termale

Complice la sempre crescente attenzione per il corpo e per le cure naturali, il sogno di trascorrere qualche giorno in un centro benessere termale, tra massaggi, bagni depurativi e atmosfere rilassanti accomuna molti di noi.
Le proprietà curative dell’acqua per molto tempo furono considerate di origine magica, ma già nel V secolo a.C. erano conosciute le proprietà benefiche delle sorgenti sulfuree, capaci di attenuare i dolori muscolari ed articolari e di curare le malattie della pelle. Leggi tutto »Benessere termale

Per la barba di Merlino!

Finalmente l’uomo “barbuto” è tornato in auge!
Dopo un decennio di depilazioni maschili indiscriminate, il mondo della moda si accorge improvvisamente del fatto che le donne sono più attratte dagli uomini con la barba .
Eppure già nell’antica Grecia, la barba folta era apprezzata e veniva considerata anche segno di saggezza. Basta pensare ai busti degli antichi filosofi, tutti rigorosamente barbuti. D’altronde il prototipo della mascolinità era il grande Zeus, sul cui volto prosperava una gran barba riccia, spesso accostata ad una capigliatura leonina.
Alessandro Magno invece aveva imposto ai suoi soldati di radersi il viso completamente, perché riteneva che i nemici avrebbero potutoLeggi tutto »Per la barba di Merlino!

Odori sacri e profani

L’arte di miscelare gli aromi nasce in Medio Oriente e si diffonde verso Occidente, in Grecia e a Roma, grazie alle campagne militari di Alessandro Magno.
Il profumo è già protagonista nella civiltà egizia, come intermediario fra l’uomo e gli dei. I maggiori templi dell’Antico Egitto erano dotati di appositi locali per fabbricare le essenze sacre, fondamentali in ogni rito. Si riteneva infatti che il profumo purificasse e mettesse in contatto con le divinità, inoltre rappresentava un elemento irrinunciabile dell’imbalsamazione dei defunti. Ogni mattina i sacerdoti procedevano alla pulizia delle statue divine, poi ungevano ed imbellettavano il loro viso. Dal piano religioso l’uso del profumo passò col tempo anche alla cura personale. In quest’epoca le due resine più note in Egitto sono l’incenso e l’arbusto della mirra, ma il profumo utilizzato dai faraoni, il “Kyphi”, è composto da più di 60 essenze.
Leggi tutto »Odori sacri e profani

La solita cravatta

Fra poco festeggeremo il giorno dedicato ai papà.
Tradizione vuole che il 19 marzo,  giorno di San Giuseppe, in molte zone d’Italia si raccolga una gran quantità di frasche da incendiare in giganteschi falò per festeggiare la fine dell’inverno. Tutt’ora in alcuni paesi la cerimonia è più che mai viva e si sovrappone ai più celebri riti di Segavecchia.
Ma per chi non è occupato a creare covoni da incendiare, il problema della festa del papà rimane quello di trovare un regalo degno per l’amato genitore senza arricchire il “parco cravatte” già annualmente rifornito dal 1976 .

Ci si butta su tecnologia e viaggi, abbigliamento, libri e così via. Eppure la storia della cravatta andrebbe Leggi tutto »La solita cravatta

Alfa Castaldi in mostra

alfa-castaldi_Jamaica

Alfa Castaldi in mostra dal 17 febbraio al 30 marzo 2013. Galleria Carla Sozzani – Corso Como 10 – 20154 Milano, Italia
tel. +39 02.653531  fax +39 02.29004080 www.galleriacarlasozzani.org

Vi segnalo il lavoro di questo ottimo fotografo, che cattura le sue immagini da un insolito punto di vista. Vi lascio al comunicato stampa a cura di Giuliana Scimé che meglio di me vi racconta la mostra e il suo lavoro:

«Fotografo curioso e completo, colto, Alfa Castaldi nella sua carriera professionale ha esplorato vari generi e tutti con grande passione e competenza.Leggi tutto »Alfa Castaldi in mostra