Vai al contenuto
Home » Antropologia » Pagina 3

Antropologia

Un silenzio assordante

foto ricordo nei pressi della Sfinge, fotografia 1890 circa -  elaborazione ©Fototeca Gilardi

Il silenzio è divenuto improvvisamente argomento di conversazione.
Dopo tanto vociare nel mondo della politica, il low profile del nuovo presidente del consiglio Mario Draghi fa scalpore. Eppure il potere del silenzio, spesso associato al segreto, alla calma o all’attesa, è ben conosciuto dai manovratori occulti e dai fini comunicatori. Si può tacere per indole, ma anche per scelta strategica, perché nello spazio che noi lasciamo libero dalle parole, lentamente covano le aspettative, si formano i sogni, si fa spazio un’immagine ideale che è ben più gradita e interessante dellaLeggi tutto »Un silenzio assordante

Dal lato sbagliato dello specchio

una fata,  manifesto per opera 'Cendrillon', 1899 elaborzione ©Fototeca Gilardi

Chi di voi non ha sognato almeno una volta di possedere un oggetto magico?
Ogni mito, racconto o leggenda si snoda attorno ai prodigi legati a uno o più oggetti che piegano la realtà al nostro volere e che riescono a stravolgere le leggi della natura a nostro vantaggio.
Le fiabe sono piene di strumenti magici come lampade che imprigionano geni, fagioli che in una notte crescono fino al cielo, noci che contengono abiti trapunti di stelle, o scarpe maledette che costringono chi le indossa a danzare fino alla morte. Numerosi sono i racconti in cui un anello magico o una collana cambiano le sorti del Leggi tutto »Dal lato sbagliato dello specchio

Sangue per modo di dire

Sangue italiano spartito e scena di battaglia garibaldina - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Qualcuno sviene alla sua semplice vista. Altri lo versano senza scrupolo, altri ancora lo donano, ma tutti indistintamente lo associamo alla vita. Si tratta del sangue, protagonista di moltissimi modi di dire oltre che di innumerevoli rituali religiosi.
Tra le più conosciute espressioni “sanguigne” abbiamo il detto “essere in vena”, cioè sentirsi in forma e ben disposti a fare qualcosa. L’origine di questa espressione viene fatta risalire al linguaggio medico e all’antica abitudine di verificare la condizione dei pazienti attraverso laLeggi tutto »Sangue per modo di dire

Dono, regalo e strenna

Menelao porta in dono un cerbiatto ad Elena, illustrazione 1911 - Elaborazione ©FototecaGilardi

A volte approfondire l’etimologia dei vocaboli porta a curiose scoperte, come quella che rivela quanto siano diametralmente opposti i concetti di “dono” e di “regalo”, quest’ultimo espressione del gesto di un sovrano che concede un bene prezioso – regale – con la promessa di fedeltà (cioè aspettandosi qualcosa in cambio), diversamente dalla parola “dono” la quale deriva dal verbo dare e quindi nasce come un apporto gratuito e fine a se stesso.
Molti antropologi si sono occupati della cultura del dono, concordando sulla sua capacità di cementare i legami sociali e di svolgere una funzione protettiva sia nei confronti dellaLeggi tutto »Dono, regalo e strenna

Guaritore che distrugge e distruttore che risana

scena di sacrificio alla presenza di Apollo, stampa XIX sec - elaborazione Fototeca Gilardi

Per gli antichi Greci la scienza dei farmaci è divinizzata nella figura di Apollo, conoscitore di tutte le erbe officinali e di tutti i rimedi, “inventore delle arti mediche”, come scrive Ovidio nelle “Metamorfosi“. Nell’antichità era attribuita ad Apollo la scoperta delle proprietà purgative di molte sostanze (purificare il corpo è tuttora il primo passo verso la guarigione), così come l’uso di cataplasmi da applicare sulle ferite per calmarne il dolore. Apollo però prima di ogni cosa, simboleggiava il Leggi tutto »Guaritore che distrugge e distruttore che risana

La dama e i suoi due mariti

slihouette, scena galante ispirata alle dame e cavalieri '700 - elaborazione ©Fototeca Gilardi

A volte nel corso della storia si creano delle alchimie che sfociano in fenomeni curiosi.
Questo è ciò che accadde nell’Europa del Settecento quando la consuetudine a contrarre matrimoni combinati, un esubero di maschi nobili senza prospettive ed esigenze di libertà femminile sfociarono nell’istituto del cavalier servente. Nato come una figura preposta alla conservazione della virtù della sposa e al servizio della stessa, il cavalier servente o cicisbeo (la cui etimologia si fa risalire al cicaleccio delle chiacchiere e dei pettegolezzi) con il tempo si trasformò in Leggi tutto »La dama e i suoi due mariti

La strategia di Jack O’Lantern

Ando Gilardi - Autodeposizione. Dipinto dal trittico 'Halloween'. Tecnica mista con ready made su tavola. Ponzone (AL), dicembre 2005 elaborazione ©Fototeca Gilardi

Quest’anno l’unico modo che avremo per conciliare la voglia di festeggiare Halloween, con l’obbligo di mascherina e distanziamento sociale sarà quella di travestirci tutti da Jack O’Lantern e infilare la testa in una bella zucca gigante.
Tutti conoscono ormai la figura dello spiritello che vaga nella notte di Halloween con la testa di zucca intagliata e un lume in mano, ma il personaggio di Jack O’Lantern (Jack con la lanterna) il simbolo più vistoso dell’antica festa dei Morti nata dalla tradizione pagana di Samhain, nasce in Irlanda. Una leggenda racconta infatti diLeggi tutto »La strategia di Jack O’Lantern

Indro … e i suoi fratelli

Colonialismo Italia - Africa Orientale - Il giuramento del pugnale delle Camicie Nere, 1935 - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Possiamo anche fingere che l’unico soldato italiano coloniale macchiatosi di “Madamato” in Etiopia sia stato Indro Montanelli; possiamo accontentarci di protestare versando vernice sulla statua che lo ritrae, distogliendo lo sguardo dai cripto-pedofili contemporanei; possiamo evitare di osservare da vicino le centinaia di foto che testimoniano cosa è stato il colonialismo italiano in Africa, ma questo non potrà cancellare le atrocità commesse dai tanti sconosciuti soldati – i nostri nonni e bisnonni – la cui memoria ci ostiniamo a preservare usando un solo Leggi tutto »Indro … e i suoi fratelli

Secoli di movida

movida in via Veneto a Roma, fotografia di Ando Gilardi 1955 circa - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Bar, osterie e locande rappresentano, fin dai tempi antichi, i luoghi della socializzazione e del divertimento, oltre che una delle principali attività commerciali dell’uomo. Moltissimi dipinti di epoca medievale o rinascimentale ci mostrano scene di taverna, dove la convivialità si esprimeva mediante gran mangiate, frequenti bevute e serate passate a giocare d’azzardo, ma pochi sanno che persino il grande Leonardo da Vinci aveva bazzicato per lungo tempo la movida dell’epoca, non da avventore, bensì da Leggi tutto »Secoli di movida

Flora la dea della Primavera

giovane Flora,  allegoria da cartrolina postale, Vienna 1907 - elaborazione ©Fototeca Gilardi

Pur tra venti gelidi e folate di neve, la Primavera cerca di farsi largo in questi nostri difficili giorni, mentre la vita sembra esitare sulla soglia cedendo ancora una volta il passo all’inverno.
Il fuoco e il calore portatori di vita provano a far fiorire prati e giardini, mentre infuria la lotta tra il vecchio gelo pungente e la tiepida fanciulla sospinta da Zefiro, il dio del vento dell’ovest.
Gli antichi greci chiamavano Cloris la magica ninfa dellaLeggi tutto »Flora la dea della Primavera