Vai al contenuto
Home » Blog » Zodiac Style – Pesci

Zodiac Style – Pesci

17_11_27_febbraio_17_BLG

Qual è lo stile preferito da ogni segno, quale la moda ideale, quale il capo d’abbigliamento più amato? Anatomicamente sappiamo che l’astrologia assegna una o più parti del corpo ad ognuno dei 12 segni e ciò rappresenta già un’utile indicazione per capirne le preferenze nel campo della moda, perché un segno tende a coprire o scoprire proprio le zone che astrologicamente gli corrispondono.

Quando si raggiunge il segno dei Pesci, si entra in un mondo irreale e fantastico, dove la realtà piano piano si dissolve per cedere il passo ai sogni. Qui tutto è magico, non ha più confini. Il tempo è circolare, non esistono presente passato e futuro, ma un unicum temporale in cui i nostri Pesci fluttuano guidati da aspirazioni di armonia e amore universale, di bellezza sublime, ma svincolata dal corpo fisico. È facile immaginare che proprio in questa fucina di sogni nascano le più importanti ispirazioni artistiche anche nel campo della moda, soprattutto considerando che alla fantasiosa creatività pescina, seguirà (nel successivo segno dell’Ariete) un nuovo ciclo capace di dare corpo all’ispirazione. Il Pesci crea alta moda, per immagini, e mette sulla carta soprattutto impressioni, emozioni, forme evanescenti. Saranno poi il sarto arietino e le cucitrici verginee, a prendere in mano ago e filo per realizzare il sogno dei Pesci e il loro progetto “divino”.
Se osserviamo però dei veri soggetti Pesci troviamo fondamentalmente due tipologie di persone: quelle che non possono o non vogliono dare spazio all’incontenibile fantasia che li caratterizza e si vestono come delle Vergini, cioè rispettando pedissequamente i canoni sociali e la regola del “vestito adatto” (soprattutto in ambito lavorativo) e quelli che invece non hanno nessuna idea di cosa significhi la differenza tra una tuta da jogging e un abito da sera.
La loro non è un’originalità consapevole, come accade in Aquario. Il Pesci davvero non distingue, non gli importa, non si fa domande, ma segue solo il proprio gusto e l’ispirazione del momento. Spesso si veste senza pensare, o meglio, pensando ad altro, perché la distrazione è la sua compagna di vita e se lo incrociate, lo riconoscete subito perché è quello con i calzini o le scarpe spaiate, che sorride con allegria se gli fate notare l’incongruenza.
Il suo armadio incarna il caos primigenio, ma lì potete trovare tutto. Il Pesci ama molto i colori e, a differenza dell’amico Sagittario, li abbina perfettamente, ma mai in modo banale, perché il suo istinto è guidato da un’armonia che va al di là di ciò che vedono gli occhi. Paradossalmente, anche indossare un saio legato con una corda non sarebbe poi così strano per un Pesci, perché unirebbe il concetto a lui tanto caro di “mistico“, con quello di “improvvisazione”.
A volte penso che l’istinto umano di abbigliarsi e decorarsi sia nato proprio sotto questo segno che, di fronte al corpo nudo, trovò che fosse poco “angelico”, poco “spirituale”, che non evocasse quel luogo mistico che nella mente dei Pesci è il vero mondo. Dalla cacciata dall’Eden l’energia Pesci aspira al ritorno nel Paradiso Perduto e cerca di portarlo qui, sulla Terra, attraverso la musica e l’arte nelle sue forme più immateriali.
Ecco quindi che il pesante corpo umano, nelle mani del Pesci, deve trasformarsi in un’entità spirituale, alleggerirsi, deve essere circondato di luce soffusa, di tessuti fluttuanti, trasparenze, forme fluide. Se gli proponete tessuti a righe o quadretti, potrebbe sentirsi male. Meglio gli arabeschi.
Se gli imponete solo grigio, blu e nero rischiate di trovarvi accanto un depresso. Gli uomini Pesci indossano volentieri tutti i colori pastello, dal giallo al rosa all’azzurro al verde; preferiscono tessuti morbidi che non leghino troppo il movimento, linee un po’ sformate. Più riescono a dare spazio alla loro indole, più è facile vederli nella loro spettacolare originalità fino al punto di indossare il pigiama per sposarsi, come fece il Pesci Kurt Cobain.
Le donne hanno in se’ una naturalezza e una disinvoltura rare; scelgono di vestirsi a seconda dell’ispirazione del momento, come dive irraggiungibili, e sono piuttosto sbadate su ciò che l’abito mostra o copre, ma senza troppa malizia. Se potessero girare sempre scalze, magari con delle cavigliere preziose, sarebbe per loro un vero Paradiso.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.