Vai al contenuto
Home » Blog » I 5 modi di amare dei Pesci

I 5 modi di amare dei Pesci

16_08_22_febbraio16_BLG

Lo sapevate che ogni segno zodiacale ha 5 modi di amare diversi? Se appartenete ad un segno, significa che lì è posizionato il vostro Sole, ma Venere al momento della vostra nascita può anche occupare un segno diverso, più precisamente uno dei due precedenti o successivi al vostro. Questo influenza in modo decisivo i vostri gusti, le modalità affettive e il senso estetico.
Il Pesci può avere Venere in: Capricorno, Acquario, Pesci, Ariete e Toro.

Pesci con Venere in Capricorno

Per i Pesci lo stato di innamoramento è la norma, difficilmente per questo segno d’acqua ci sono periodi in cui il cuore non sia occupato da emozioni d’amore (il più delle volte indistinte), ma

quando un Pesci ha una selettiva e razionale Venere in Capricorno, qualche pausa dal romanticismo è possibile. Anche la capacità di scegliere un partner si fa più lucida, dando spazio a considerazioni meno legate all’immediato, meno idealizzate, e volte soprattutto a selezionare un amore che possa durare nel tempo e magari anche accompagnare la propria realizzazione professionale. La coppia, per un Pesci con Venere in Capricorno, è una base imprescindibile per sentirsi stabile e sicuro, perché i sentimenti restano in ogni caso centrali per il dodicesimo segno. Il partner è visto come un sostegno e deve possedere un grande senso pratico. Anche il tasso di fedeltà, di solito soggetto ad alti e bassi, aumenta decisamente. Dal punto di vista estetico questa Venere essenziale e minimalista, ridimensiona la fantasia pescina sfrondandola dalle manifestazioni più naif. Impone un basso profilo, ma è attenta al valore economico degli oggetti artistici. Agisce soprattutto a livello etico, ponendo la comprensione umana tipica dei Pesci al servizio di obiettivi concreti.
Questa combinazione la troviamo nell’oroscopo di Michail Gorbaciov .

Pesci con Venere in Acquario
Qui ci troviamo di fronte ad un’accoppiata curiosa, che rende il soggetto tanto insicuro e fragile in merito alle proprie emozioni, quanto distaccato e sfuggente di fronte all’emotività altrui. Sempre in preda a passioni vissute più a livello mentale e astratto, che a livello reale, i Pesci con Venere Acquario, seppur amabili, hanno necessità di spaziare, di andare e venire a proprio piacimento senza dover rendere conto dei loro pensieri, delle loro costanti fantasie, delle loro numerose relazioni amichevoli o amorose (anche solo sognate) necessarie per tollerare la “pesante” realtà della coppia regolare. Perché questi soggetti tanto inquieti desiderino stare in coppia è presto detto: hanno incontrato una persona simile a loro, simile soprattutto a livello ideale, che “sente” come loro, con la quale si fa poca fatica ad andare d’accordo e che, soprattutto, riesce a tenere le redini della relazione e della famiglia anche senza il loro contributo. Oppure sono stati travolti dall’energia e dal calore, anche fisico, del partner che è tanto saldo e sicuro di sé da riuscire a tollerare le loro piccole viltà quotidiane e che non ha bisogno di rassicurazioni continue. Dal punto di vista artistico la fantasia è a livelli sublimi, il fiabesco è il loro mondo e seguirli nei loro sogni, diventa un vero e proprio viaggio in un’altra dimensione.
Questa combinazione la troviamo nell’oroscopo di Torquato Tasso.

Pesci con Venere in Pesci
Con la doppia presenza di Sole e Venere nei Pesci l’amore è innanzitutto fusione di anime. I Pesci hanno la capacità immediata di capire i sentimenti di chi sta loro di fronte, senza bisogno di parole. Hanno una dolcezza unica e una capacità di dedizione notevole nei confronti di chi amano. L’altro lato della medaglia è l’inquietudine: un Pesci non sa mai cosa desidera veramente, non capisce subito se è innamorato o meno. I suoi sentimenti e le sue emozioni sono sempre attivate al massimo volume, vengono solleticate da situazioni spesso anomale: una persona infelice li affascina mille volte di più di un soggetto stabile e appagato, un artista bohemien costituisce un richiamo irresistibile, la possibilità di una relazione complicata accende immediatamente il loro interesse. In compenso sanno avvolgere l’amato in un’aura magica estremamente seducente, lo fanno sentire speciale, lo trasportano in un mondo a parte, dove il partner è idealizzato come una divinità, fino a quando l’attenzione del Pesci non viene attirata da situazioni più emozionanti e la bolla magica esplode. Dal punto di vista estetico l’ispirazione artistica vibra all’unisono con le più forti emozioni del soggetto, emozioni per lo più malinconiche e struggenti, figlie di una sensazione costante di Eden perduto.
Questa combinazione la troviamo nell’oroscopo di Frederick Chopin.

Pesci con Venere in Ariete

La vaghezza dei Pesci, che si innamorano un giorno sì e uno no, infuocata da una passionale Venere in Ariete, maestra dei colpi di fulmine, dà vita a soggetti dall’indubbio fascino, capaci di abbindolare quasi chiunque, giocando sul registro della dolcezza e della poesia, o su quello del “tutto e subito” a seconda delle circostanze e del soggetto che desiderano conquistare. Seduttori nati, sempre interiormente fragili e insicuri, ma capaci di iniziativa, questi Pesciolini sanno coinvolgersi molto più dei loro compagni dalle Veneri “fredde”: si innamorano (e rompono relazioni) se possibile ancor più di frequente del solito, ma quando ci sono, ci sono, non hanno così tanta voglia di fuggire a conquista avvenuta perché a loro non basta sognare, vogliono anche consumare la passione fino infondo. L’irrequietudine rimane, ma Venere arietina è leale e invece di scomparire semplicemente, come suggerirebbe il temperamento Pesci, magari fa qualche scenata, innesca liti furibonde, recrimina piangendo, scatena l’ira del partner e poi sbatte comunque la porta perché probabilmente ha già il piede in una nuova scarpa. Artisticamente fecondi, su questi soggetti , già portati all’originalità e all’eccesso estetico, Venere ha un effetto dirompente rendendoli spesso preda di passioni artistiche che dominano la loro esistenza.
Questa combinazione la troviamo nell’oroscopo di Gabriele D’Annunzio.

Pesci con Venere in Toro
Venere in Toro è sensuale e concreta: ama il contatto fisico, diffida delle parole e ha forti appetiti sessuali. Il Pesci per sua natura è invece spirituale, emotivo, perso in un mondo parallelo in cui resta inaccessibile ai più. Questa Venere ha l’effetto di riportarlo a terra, di fargli sentire la sofferenza del mondo in modo tangibile, seppur meno acuto. La sofferenza e la fragilità, per i Pesci, sono un fattore imprescindibile di fascino, anche quando Venere Toro tifa per una vita regolare e “sana”, perciò neppure questi soggetti saranno esenti dalla “sindrome della crocerossina”, ma un pizzico di buon senso nel gettarsi in relazioni senza futuro di certo c’è. L’innata bontà del Toro, combinata con l’empatia pescina, dà vita a soggetti di buon cuore, attenti all’altro anche nei piccoli gesti quotidiani, appassionati a una vita semplice e amanti della famiglia tradizionale. Certamente il bisogno di solitudine dei Pesci non potrà scomparire del tutto, così come la loro ipersensibilità, perciò avranno bisogno di ritagliarsi degli spazi dalla vita di coppia, ma senza quella continua ricerca di conferme amorose che caratterizzano i possessori di Veneri più inquiete.
Sensibili a tematiche sociali e politiche, questi soggetti hanno una speciale capacità di introspezione e sanno descrivere con grande maestria e sensibilità le dinamiche inconsce e i tormenti che agitano l’umanità.
Questa combinazione la troviamo nell’oroscopo di Alessandro Manzoni.
(Controllate dove è la vostra Venere )
© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.