Vai al contenuto
Home » Blog » Eclissi di primavera

Eclissi di primavera

Quest’anno l’equinozio di primavera sarà accompagnato da un’eclissi di Sole parziale, visibile anche dall’Italia il 20 marzo, quando la Luna offuscherà la nostra stella per qualche minuto.
I fanatici delle eclissi sono già al polo Nord, o meglio alle Svalbard, per godersi il picco di oscurità, mentre a noi basterà inforcare un paio di occhiali opportunamente oscurati e alzare lo sguardo tra le 9,24 e le 10,44 (se viviamo al Nord Italia), tra le 9,23 e le 11,42 (se in Italia centrale) e tra le 9,20 e le 11,26 (se viviamo al Sud).
Il fenomeno del “Sole nero”, sebbene ormai scientificamente spiegabile, continua ad affascinarci e a suggestionarci, come se dentro di noi risuonasse l’arcaico ricordo di quella “rottura dell’ordine cosmico” in cui i due principali elementi del cielo entrano in conflitto, invece che inseguirsi sempre per non incontrarsi mai. Gli antichi Babilonesi credevano che, durante l’eclissi, sette demoni divorassero il Sole. I Vichinghi immaginavano invece una coppia di cani celesti che si inseguivano: quando uno dei due riusciva a prendere l’altro, ecco che si verificava l’eclissi. In Vietnam si credeva che fosse una rana o un rospo a divorare il Sole o la Luna.  Anche in cinese la parola più antica per descrivere l’eclisse è shih, che significa  appunto “mangiare”. Per esorcizzare questo pasto celeste, si faceva rumore allo scopo di spaventare il demone o l’animale: la gente usciva in processione battendo su pentole, scodelle o tamburi per scacciare l’essere che stava divorando il sole o la luna.
Nella mitologia induista è invece la testa del demone Rahu a inseguire il Sole e la Luna nel cielo per vendetta: Rahu, travestito per poter rubare un sorso di elisir dell’immortalità, fu visto dal Sole e dalla Luna che avvisarono il dio Vishnu, il quale tagliò la testa al demone mentre beveva il magico liquido. Per questo solo la testa di Rahu è immortale e continua ad inseguire Sole e Luna per inghiottirli, ma inutilmente, perché quando li raggiunge e li divora, il Sole e la Luna escono nuovamente dal fondo della testa e riappaiono lucenti nel cielo.

© riproduzione riservata

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.