Vai al contenuto
Home » Blog » Antropologia dello sguardo

Antropologia dello sguardo

Antropologia dello sguardoCENTRALE FOTOGRAFIA – III EDIZIONE
Fano 10.11.12. giugno 2011- Centro storico

Una tre giorni dedicata alla fotografia e all’arte contemporanea nell’intento di comporre un’istantanea sull’attuale panorama italiano attraverso mostre, eventi e conferenze.

La terza edizione della rassegna annuale “Centrale Fotografia”, organizzata a Fano dall’associazione culturale omonima in collaborazione dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Fano, la Mediateca Montanari-Memo, il contributo dello Studio d’architettura Tomassini, Caffè Centrale, ristorante La Mandria e Hotel Siri, sofferma quest’anno la sua attenzione sul mezzo fotografico inteso come strumento d’indagine antropologica, indagando i modi e le mode che lo hanno reso sia testimone documentario che interprete soggettivo del divenire umano. La rassegna a cura di Luca Panaro e Marcello Sparaventi si svolgerà in diversi momenti e luoghi del Centro storico fanese, linea guida di quest’anno è senz’altro la presenza di due importanti artisti contemporanei: Mario Cresci e Paola Di Bello, che si racconteranno al pubblico offrendo una visione completa della loro produzione più recente.

Mario Cresci (Chiavari, 1942) dalla fine degli anni Sessanta ha sviluppato un complesso corpo di lavoro che varia dal disegno, alla fotografia, all’installazione. La sua opera è sempre rivolta ad una continua indagine sulla natura del linguaggio visivo, contrapponendo lo strumento fotografico al concetto di veridicità del reale.

Paola Di Bello (Napoli, 1961) il cui sguardo indugia sulle problematiche socio-politiche che delineano la città contemporanea, entrando in situazioni spesso caratterizzate da un profondo disagio umano.

Tra gli eventi cardine dell’edizione l’interessante mostra “Sulla fotografia”, ospitata all’interno dei suggestivi locali della Rocca Malatestiana, che, riprendendo il titolo del celebre saggio di Susan Sontag, ne attualizza le tematiche, portando lo spettatore a domandarsi, piuttosto che a demandare, le origini del proprio sguardo, vettore attivo dell’indagine.

A questa si aggiungono la rassegna cinematografica “La fotografia al cinema”, con la proiezione di film in cui la fotografia è tema portante e la mostra prodotta da Centrale Fotografia in cui vengono proposti lavori dei partecipanti al laboratorio “Fano-Pesaro,  rileggere il paesaggio delle due città“.

Completano il panorama la presentazione della nuova rivista specializzata RVM – Rear View Mirror (Postcart edizioni, Roma) e anteprima del libro Jeff Wall, fotografia e arte contemporanea: scritti 1982-2003 edito dalla casa editrice marchigiana Quodlibet. Tutte le iniziative sono ad ingresso gratuito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.